Meditazione di Pace – Atto Poetico di Marco

Si intitola “Meditazione di Pace“, poetica riflessione dopo una meditazione guidata da una monaco buddista.
E’ per me, in questa esperienza, l’immagine della luna, alla quale in questo momento conferisco un significato sacro e liberatorio, che permea il mio corpo, ed il mio corpo si abbandona completamente lasciandosi cullare e trasportare dalle forze universali della natura. E la mia mente si svuota e si apre all’immensità del nulla fonte delle infinite possibilità.

Grazie,
Marco De Matteis


MEDITAZIONE DI PACE

Socchiudo gli occhi,

pesante il respiro fluisce,

abbandono il mio corpo..

interne ed esterne affiorano le sensazioni.

Cosciente l’attenzione sul lento respiro,

pian piano scompare la percezione dei sensi.

Vuoto ora il corpo:

muscoli, ossa, legamenti,

organi e visceri,

vasi, nervi e membrane,

tutto scompare

per lasciar spazio soltanto

ad una chiara, fluida matrice.

Unico, indivisibile insieme.

Leggero ora immagino il corpo sospeso per aria

portato dal vento come aquilone

senza ordine né direzione.

Al centro del corpo,

dimora del retto equilibrio,

osservo nitida e definita l’immagine sacra della luna.

Mi sento vicino ad una quiete profonda.

Pesante e immobile ora è il mio corpo,

distaccato dai sensi.

Splendente la luna si espande permeando ogni cellula.

Scompaiono i confini,

si allontanano i pensieri.

Tutto ora è Uno,

marea fluttuante nei ritmi lenti.

In questa pace dimentico il corpo,

ferma e serena splende la luna.

Sono nelle verticalità del flusso:

accelera il battito,

forte è il respiro,

prevale la gioia,

tutto è possibile.

Ritorno bambino e so ora sognare,

credere e piangere.

Vivo nel ritmo la magia della pace.

Poi torno al mio corpo,

contatto l’ambiente e piano apro gli occhi,

bagnati dal fluido della pace interiore.

Atto Poetico di Marco De Matteis

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *